«The Nix» di Nathan Hill

Una lista dei i libri recenti ingiustamente sottovalutati prima, e ingiustamente per quanto inevitabilmente dimenticati dopo, la inizierei probabilmente proprio con The Nix di Nathan Hill. Un libro che ha avuto una sua gestazione, anche dolorosa: pare che l’autore, poco più che ventenne, si sia trasferito a New York con un hard disk pieno zeppo... Continue Reading →

“A Gambler’s Anatomy” di Jonathan Lethem

Un timido pregio di A Gambler’s Anatomy è forse anche un suo vivace limite: quello che ha scritto Lethem è a tutti gli effetti un nuovo romanzo di Thomas Pynchon. Anche se all’inizio si ha la sensazione di essere intrappolati in un ideale confine tra il noir sbilenco di Motherless Brooklyne  l’erotismo sgangherato di You Don’t... Continue Reading →

Memorie dalla ferrovia sotterranea: “The Underground Railroad” di Colson Whitehead

Su Mason & Dixon Thomas Pynchon, partendo dai primi vagiti dell’indipendenza americana, mostra la genesi delle prime rudimentali forme di capitalismo e come tutto sia nato dall’esportazione nel Nuovo Mondo di quel modello schiavistico già presente nel Vecchio. Si trattava di “assicurarsi un’eterna Offerta di economici taglialegna, fattori, e qualcuno di quei grezzi artigiani, e docili... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: